News»

Tiroide e seno

Prof. Dott. Alessandro Marugo

Recentemente stanno emergendo sempre più lavori scientifici che documentano un’associazione tra problemi tiroidei e mammari.
In particolare sono stati presentati importanti risultati dal National Cancer Institute americano in occasione del meeting annuale dell’Endocrine Society, la più prestigiosa associazione di endocrinologi al mondo. L’insieme dei dati clinici di pazienti studiate dal 1973 al 2011 (oltre 700 mila donne) suggerisce che le donne affette da carcinoma mammario presentano un rischio di sviluppare carcinoma tiroideo nel 16% contro lo 0,33 della popolazione generale, soprattutto nell’età 40-60 anni con varianti anche più aggressive di CA tiroideo rispetto alle varianti più classiche (papillare e follicolare). Le motivazioni di questa maggiore predisposizione sono da ricercarsi nella radioterapia che molto spesso segue un trattamento chirurgico per carcinoma mammario, la maggiore sorveglianza oncologica a cui sono logicamente sottoposte Pazienti con carcinoma mammario e da un punto di vista strettamente endocrinologico la presenza di recettori per gli ormoni femminili in entrambe le ghiandole.

continua a leggere su: http://www.stefanospinaci.com/tiroide-e-seno/

http://www.alessandromarugo.com/index.php/it/patologie/tiroide/tiroide-e-seno

 

 Inositolo e Obesità e Hashimoto 

L'Inositolo è stato isolato nel 1850 da Johan Joseph Sherer, il quale lo denominò inositolo partendo dalla parola greca INOS=muscolo.

Altre nozioni storiche:

La ricerca ha in seguito confermato la presenza dell'inositolo in altri organi e tessuti, chiarendone con il tempo il ruolo fisiologico:

Nel 1964 Eisenberg e Bolden scoprirono che i testicoli erano particolarmente ricchi di inositolo. Tra il 1973 e il 1976 diversi scienziati dimostrarono che a livello di prostata, vesciche seminali, epididimo e nel liquido seminale i livelli di inositolo potevano arrivare ad una concentrazione tripla rispetto al plasma, rilevando un primo legame fra inositolo e fertilità.

Nella seconda metà degli anni '80 Larner propose l'esistenza di secondi messaggeri dell'insulina che veicolassero il segnale dell'ormone all'interno della cellula, successivamente al suo legame con il recettore; questi secondi messaggeri diversi fra loro erano poi responsabili delle diverse azioni fisiologiche promosse dall'insulina. Nel 1988 Larner individuò nell'inositolo il secondo messaggero dell'insulina e in particolare i due stereoisomeri: mioinositolo e di-chiroinositolo.

L'inositolo sottoforma di fitato è un componente comunemente presente in molte piante di uso alimentare. Tale forma di inositolo viene utilizzata per stoccare il fosforo nelle piante. I fitati però non sono digeribili tal quali dagli esseri umani, richiedono infatti una specifica flora intestinale per essere metabolizzati. L'inositolo è presente anche in prodotti di origine animale (carne, latticini, uova).

l’inositolo è un alcol ciclico a 6 atomi di C, in natura esistono 9 stereoisomeri diversi e fra questi il mioinositolo è la forma più abbondante; nell'uomo il 90% dell'inositolo corporeo è mioinositolo. Oltre che dalla dieta il mioinositolo viene sintetizzato direttamente: il rene recupera e sintetizza giornalmente una quantità pari a 4 gr, la quale si disperde in tutto l’organismo con le maggiori quantità che si accumulano a livello dei testicoli, della tiroide, del fegato della milza, dell'ipofisi e del cervello. Oltre al mioinositolo è presente un secondo stereoisomero: il di-chiroinositolo che viene sintetizzato secondo specifici rapporti in determinati organi (fegato in primis), su azione di un'epimerasi tessuto specifica, attivata dall'insulina, utilizzando il mioinositolo come precursore attivo. A livello ematico il rapporto fisiologico fra le due forme è 40:1. Entrambi gli stereoismoeri in modo diverso hanno specifici ruoli fisiologici e attivano diverse cascate enzimatiche su azione degli ormoni.

Nelle cellule dei mammiferi l'inositolo è presente sottoforma di fosfatidilinositolo il quale si localizza a livello delle membrane cellulari, legato ai fosfolipidi di membrana.                

Per la sua struttura e proprietà chimiche la natura ha selezionato il mioinositolo per essere uno dei principali SECONDI MESSAGGERI nel nostro organismo. Ciò significa che trasferisce all’interno della cellula bersaglio il messaggio fisiologico di un ormone, quando questo per la sua struttura e natura non è in grado di superare la membrana cellulare. Il processo di attivazione del mio-inositolo è mediato dal legame ormone-recettore.

INOSITOLO E INSULINA

Il fosfatidilinositolo è il secondo messaggero dell'insulina, la quale quando si lega al proprio recettore promuove la liberazione de

L’azione del mio-inositolo è DUPLICE: IPOGLICEMIZZANTE  in quanto migliora il quadro glicemico diminuendo la resistenza insulinica e FOLLICOLOSTIMOLANTE in quanto RIDUCE le concentrazioni ematiche dell’FSH migliorando la trasmissione del segnale a livello FSH-recettore.

Questa duplice azione è possibile in quanto il mio-inositolo non è solo un secondo messaggero insulinico, ma è anche direttamente coinvolto nella trasduzione del segnale dell’FSH .

L’azione ipoglicemizzante dell'inositolo è qui illustrata: il mio-inositolo viene fisiologicamente assunto dal flusso ematico attraverso i canali del glucosio, per questo è consigliabile la sua assunzione lontano dai pasti per evitare la competizione con il glucosio stesso. Il mio-inositolo così accumulato nella cellula si localizza sottoforma di fosfatidilinositolo, in prossimità del recettore dell’insulina, rendendolo in grado di propagare il segnale all'interno della cellula.

A livello del fegato quando l’insulina entra in contatto con il recettore la maggiorparte del mio-inositolo viene liberata dai fosfolipidi di membrana e promuove una serie di reazioni che portano all'entrata di glucosio all'interno della cellula epatica. Parallelamente circa il 30% di mioinositolo viene convertito in di-chiroinositolo, dall'epimerasi attivata su azione dell'insulina, questo di-chiroinositolo agisce principalmente attivando la glicogeno sintasi che immagazzina il glucosio nella cellula sottoforma di glicogeno, evitando così il suo accumulo in lipidi. 

Nell’OVAIO troviamo delle concentrazioni estremamente elevate di mio inositolo, mentre la forma d-chiroinositolo è marginale. A livello delle cellule della granulosa il mio-inositolo ha infatti un duplice ruolo in quanto svolge la funzione di secondo messaggero dell'insulina e dell'ormone FSH. In una situazione fisiologica la conversione di mio-inositolo in di-chiroinositolo è estremamente bassa mentre l'ovaio utilizza prevalentemente mioinositolo su azione dell'FSH per promuovere le reazioni che porteranno allo sviluppo del follicolo primario e alla conseguente ovulazione.

L’attuale ricerca dimostra che ENTRAMBE le forme sono presenti e necessarie e che in una situazione fisiologica il segnale insulinico non fa altro che alterare temporaneamentel’equilibrio di una forma rispetto all’altra.

PATOLOGIA: PCOS E SENSIBILITA' ALL'INSULINA

La sindrome del'ovaio policistico è una patologia endocrinologica multifattoriale di eziologia ancora poco chiara, che presenta una componente di familiarità, e che comporta iperandrogenismo, oligomenorrea/amenorrea, dismetabolismo 

Negli ultimi anni sono aumentate le evidenze scientifiche che correlano la PCOS ad un'aumentata resistenza all'insulina; la bassa sensibilità all'insulina sebbene non sia il principale agente eziologico contribuisce grandemente al mantenimento e allo sviluppo della sintomatologia. Come?

La bassa resistenza all'insulina comporta l'instaurarsi di un'iperinsulinemia compensativa che a cascata coinvolge il metabolismo e la fertilità della donna. La bassa sensibilità dei recettori all'insulina a livello epatico attivano i processi che tendono ad accumulare glucosio sottoforma di lipidi, in quanto si ha una riduzione delle attività del mio e del di-chiroinositolo epatico. Parallelamente l'iperinsulinemia riduce i livelli di SHBG aumentando i livelli di testosterone libero.

A livello dell'OVAIO si ha un'azione diretta all'aumento dei livelli di insulina ematici, in quanto l'ovaio non è in grado di sviluppare una propria resistenza all'insulina. La diretta conseguenza è una iperattività della epimerasi che converte troppo rapidamente il mioinositolo dell'ovaio in di-chiroinositolo, compromettendo il rapporto fisiologico fra le due forme e diminuendo il mioinositolo, secondo messaggero dell'FSH: i follicoli non maturano e vanno in atresia aumentando ulteriormente i livelli di testosterone ematico.

Secondo questo modello una bassa sensibilità all'insulina comporta dismetabolismo e iperinsulinemia compensativa che alterando i rapporti mio/d-chiroinositolo a livello dell'ovaio determina infertilità e iperandrogenismo.

INOSITOLO E PCOS

Gli approcci terapeutici negli anni si sono concentrati a risolvere, utilizzando la pillola, gli aspetti legati all'iperandrogenismo e all'irsutismo, eventualmente associando una dieta per ridurre il peso delle pazienti. Si sono utilizzati anche farmaci off-label come la metformina ma con indiscussi effetti collaterali.

L'inositolo agisce ripristinando il corretto equilibrio ormonale essendo un secondo messaggero.

La riduzione dei livelli di insulina riducono la sintesi di-chiroinositolo a livello dell'ovaio, un cofattore della patologia in questo organo, e l'apporto di mioinositolo ristabiliscono una regolare ovulazione ripristinando e migliorando il segnale dell'FSH. (scegliere articoli)

MIO e DCHIRO

Entrambi gli stereoisomeri hanno presentato su azione dell'insulina un'attività ipoglicemizzante.

Ed entrambi sono stati usati per il trattamento della PCOS. Un primo articolo sull'impiego del d-chiroinositolo nella PCOS è stato pubblicato da Nestler nel 1998 e un secondo articolo nel 2002, questi studi sebbene avessero dei dati brillanti con studi successivi presentarano una scarsissima riproducibilità dipendente dai dosaggi impiegati, tali risultati portarono alla sospensione dei finanziamenti per la ricerca e all'attribuzione di orphan drug.

Poco dopo gli studi si concentrarono sull'impiego del mioinositolo che dette dei risultati scientificamente più solidi. Negli ultimi anni la ricerca ha permesso di chiarire i dosaggi e l'impiego del di-chiroinositolo.

Il d-chiroinositolo aveva presentato dei problemi perchè anche se è vero che ha una azione epatica ipoglicemizzante, nella PCOS l'ovaio iperproduce di-chiroinositolo come conseguenza della patologia e un dosaggio troppo elevato contribuisce a peggiorare il quadro patologico dell'organo anche se migliora il dismetabolismo a livello epatico e questo per la peculiarità dell'ovaio di non produrre una propria resistenza all'insulina.

La ricerca di questi ultimi 10 anni ha dimostrato come l'impiego dell'inositolo possa rispondere, agendo sui secondi messaggeri ormonali e migliorando la sensibilità all'insulina, sia alla riduzione  dei livelli di insulina, di androgeni, di peso che ad una ripresa di un regolare ciclo mestruale.

Fonti alimentari di Inositolo - Focus sugli Inositosi

 Alopecia areata e tiroide

Intervista allo specialista Dr. Alessandro Marugo

Settimana Mondiale della Tiroide - maggio 2014 -  "dal corpo alla mente”

Tiroide problema sociale  "dal corpo alla mente”  il suddetto slogan a testimoniare l'importanza delle alterazioni tiroide e dei loro sintomi che coinvolgono tutte le sfere della nostra esistenza , dal corpo alla mente appunto.
Questa che è un settimana all'anno deve diventare un incentivo a controllare gli esami della tiroide ( Ft4-TSH-TPO-TGA ) ed una ecografia almeno una volta nella vita in chi non lo ha mai fatto. Le patologie tiroidee infatti spesso quando sono di lieve entità presentano sintomi molto sfumati quali aumento peso, stanchezza , irritabilità, perdita di tessuto osseo, aumento del colesterolo che non vengono attribuiti ad un malfunzionamento della tiroide fino a quando i sintomi diventato poi più importanti e quindi si vanno a fare ulteriori accertamenti.
Diagnosticare queste patologiie in fase precoce è molto importante per poterle curare correttamente prima che diano problemi seri di salute in qualunque fase della nostra vita.

 GOCCE di L TIROXINA

Una nuova formulazione di L tiroxina è quella in gocce. Questa nuova formulazione, nata per chi ha problemi di deglutizione o per i bambini consente una perfetta calibrazione della quantità di principio attivo in funzione delle esigenze terapeutiche proprie di ogni singolo paziente.

 

 Altre formulazioni di L Tiroxina

Recentemente è comparsa sul mercato un nuova formulazione di L tiroxina come fiale monodose da utilizzare sublinguali ( è in fase di pubblicazione un importante lavoro scientifico ). Questa nuova formulazione diversa dalla “storica” compressa o dalle gocce è una valida alternativa alle precedenti e rappresenta il presente/ futuro della terapia sostitutiva dell'ipotiroidismo.

E' assolutamente sicura, è bioequivalente ( vd sotto ) e comporta una più agevole gestione della terapia medica dell'ipotiroidismo: si può assumere tranquillamente la mattina NON dovendo aspettare 30 minuti prima di fare colazione.

Un prodotto medicinale può essere considerato equivalente terapeutico di un altro prodotto medicinale se contiene lo stesso principio attivo e, clinicamente, mostra la stessa efficacia e la stessa sicurezza di quel prodotto medicinale, di cui efficacia e sicurezza sono già note.

 

Curiosità storiche:

  • La tiroide come entita’ anatomica  viene individuata nel Rinascimento, dai grandi anatomisti  (Leonardo da Vinci, Andrea Vesalius).
  • Il termine “tiroide”  è stato introdotto per la prima volta nel ‘600 e  viene dal greco “scudo”, perché la cartilagine laringea davanti alla quale si colloca la tiroide ha la forma di uno scudo.
  • 1813: Courtois, Clément e Desormes descrivono la scoperta dello IODIO (dal greco “colorato di viola”), come vapore violetto ottenuto dal trattamento di ceneri di alghe; tale gas veniva poi condensato in cristalli.
  • La tiroxina è stata isolata nel 1914 (C. Kendall)

 

  • Matteo Cantile intervista il dott. Alessandro Marugo - Ottobre 2017

    la Liguria è sul mare: abbiamo comunque bisogno di Iodio

    Youtube Video

  • associazione tra problemi tiroidei e mammari

    Tiroide e seno

    Prof. Dott. Alessandro Marugo

    Recentemente stanno emergendo sempre più lavori scientifici che documentano un’associazione tra problemi tiroidei e mammari.
    In particolare sono stati presentati importanti risultati dal National Cancer Institute americano in occasione del meeting annuale dell’Endocrine Society, la più prestigiosa associazione di endocrinologi al mondo. L’insieme dei dati clinici di pazienti studiate dal 1973 al 2011 (oltre 700 mila donne) suggerisce che le donne affette da carcinoma mammario presentano un rischio di sviluppare carcinoma tiroideo nel 16% contro lo 0,33 della popolazione generale, soprattutto nell’età 40-60 anni con varianti anche più aggressive di CA tiroideo rispetto alle varianti più classiche (papillare e follicolare). Le motivazioni di questa maggiore predisposizione sono da ricercarsi nella radioterapia che molto spesso segue un trattamento chirurgico per carcinoma mammario, la maggiore sorveglianza oncologica a cui sono logicamente sottoposte Pazienti con carcinoma mammario e da un punto di vista strettamente endocrinologico la presenza di recettori per gli ormoni femminili in entrambe le ghiandole.

    continua a leggere su: http://www.stefanospinaci.com/tiroide-e-seno/

    http://www.alessandromarugo.com/index.php/it/patologie/tiroide/tiroide-e-seno

     

…poco sale, ma iodato!


uno slogan classico della Giornata Mondiale della Tiroide.

 

 

    

 

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information